Questo sito utilizza cookie tecnici per gestire e migliorare alcune funzionalità del sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando il tasto "Accetta" acconsenti all’uso dei cookies. Se vuoi sapere di più o negare il consenso ad alcuni cookie leggi la Cookie Policy dedicata.

LEGGI DI PIÙ

OMR Officine Meccaniche Rezzatesi

news

Dal Sole24Ore: L’ingresso di Psa dà impulso a Omr

IMPRESA E TERRITORI Il Sole 24 Ore 05 NOVEMBRE 2015
ESPERIENZA CONSOLIDATA
L’azienda guidata da Marco Bonometti, attiva nella produzione di componenti meccaniche, opera in Marocco da 15 anni
Il caso. L’impresa bresciana punta sul premium - L’ingresso di Psa dà impulso a Omr

Per le Officine Meccaniche Rezzatesi lo stabilimento in Marocco è una realtà consolidata da oltre 15 anni ma che promette, con il futuro investimento nel Paese nordafricano del Gruppo Psa Peugeot Citroen, ulteriori sviluppi. Attiva nella produzione di componenti meccaniche per motori, cambi e sospensioni, l’azienda di Rezzato, in provincia di Brescia, è arrivata in Africa a seguito di Fiat, nel 1998. «Siamo rimasti in Marocco – racconta l’amministratore delegato Marco Bonometti, a capo anche degli industriali bresciani di Confindustria – anche dopo che Fiat ha deciso di lasciare il paese e abbiamo avviato la collaborazione con Renault. Siamo certi che l’Africa possa vivere un periodo di sviluppo e la decisione del Gruppo Psa di insediarsi in Marocco potrebbe rappresentare una svolta, oltre che stimolare altri costruttori». L’investimento iniziale in Marocco, nel 1998, fu pari a circa 4 milioni di euro. «Per un paese come il Marocco che non ha l’industria di base – aggiunge Bonometti – è necessario, nel ciclo produttivo, importare le materie prime e questo rappresenta un costo pesante per le aziende dell’automotive, tenendo conto anche dei costi di logistica e trasporti». Ecco perché è fondamentale, chiarisce, «incrementare la produzione locale di vetture, per ridurre i costi a carico dell’indotto che produce in Marocco e che potrà garantire la fornitura di componentistica ai costruttori in loco, senza ulteriori spostamenti».
Con una settantina di addetti a Casablanca, il polo delle Officine Meccaniche Rezzatesi in Marocco è stato il secondo passo, dopo il Brasile, nel processo di internazionalizzazione dell’azienda. Aperture a cui hanno fatto seguito nel 2007 lo stabilimento in India e nel 2008 il sito in Cina. Sono invece gli Stati Uniti a rappresentare l’ultimo stabilimento avviato all’estero dal Gruppo. Che oggi
conta oltre 3mila addetti – 1.750 nei nove stabilimenti italiani, tra cui l’ultima acquisizione, la Fonderia Scacchetti di San Felice sul Panaro rilevata dal gruppo Omr l’anno scorso, gli altri nei sei poli all’estero – e un fatturato previsto nel 2016 a 700 milioni di euro. Una realtà economica in crescita, le Officine Meccaniche Rezzatesi, che ha percorso la fase di specializzazione produttiva e di focalizzazione sulle produzioni nei comparti premium dell’auto che sta caratterizzando l’indotto auto Made in Italy. Tanto che proprio Ferrari è il suo miglior cliente. «Siamo i produttori unici dei telai Ferrari – spiega Bonometti – e abbiamo rafforzato la nostra presenza ad Atessa perché siamo fornitori dei componenti per l’Alfa». Un brand il cui rilancio, si dice sicuro Bonometti, «rappresenterà il rilancio della tecnologia italiana sulle automobili e sui motori». A Ferrari ed Fca, nella lista clienti, si uniscono Gm, Audi, Volkswagen, Ford e Bmw.