OMR Officine Meccaniche Rezzatesi

news

Università: La riflessione del presidente Marco Bonometti

Dal Corriere della Sera ed: di Brescia Internazionale e concreta:l`università secondo Aib Due presupposti: il mondo è cambiato e la sfida della globalizzazione si vince con l`innovazione e l`investimento sul capitale umano. Da qui parte il presidente di Aib Marco Bonometti per mettere sul tavolo della discussione, in vista del voto per il futuro Rettore, la sua «visione» di università. Al primo punto ricorda che è «strategico elevare il grado di internazionalizzazione dell`Ateneo rafforzando le collaborazioni con le università europee a noi più vicine per tradizione e specializzazione industriale (BadenWurttemberg, Rhone-Alpes, Catalogna), ma anche aprendoci a scambi con nuove realtà, in modo da innescare un rapporto virtuoso che valorizzi le vocazioni dei diversi territori e che aiuti ad aumentare la proposta formativa e il livello di ricerca e sviluppo fruibile dalle nostre Facoltà». Il tutto declinato a livello locale con «la promozione di corsi di studio in inglese, il reclutamento di docenti e studenti da paesi esteri, l`introduzione di summer school». Importante anche «valorizzare l`attività del Csmt, strumento privilegiato per un rapporto con le imprese in tema di ricerca e sviluppo e adeguamento tecnologico, con particolare attenzione al sostegno delle filiere e dei cluster del nostro territorio». Diventa «indispensabile» rafforzare l`alta formazione con master «collegando di più i dottorati di ricerca alle esigenze aziendali anche utilizzando l`apprendistato in alta formazione» così come è «doveroso» rendere le lauree triennali «realmente professionalizzanti con percorsi che valorizzino le attività di laboratorio in università e nelle aziende». Contro gli abbandoni universitari, poi, «è consigliabile reindirizzare lo studente su percorsi più brevi ma di immediato inserimento lavorativo, come quelli di Istruzione Tecnico Superiore». Importante diventa «misurare i risultati e valorizzare le eccellenze» e «condivisibile» l`inserimento nei Cda degli atenei «di soggetti esterni portatori di esperienze e relazioni, per integrare le scelte strategiche». Per gli studenti alloggi e trasporti ma anche più borse di studio e «sostegni economici di progetti dalle imprese». (r.g.)